Warning: include_once(/home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/plugins/wp-super-cache/wp-cache-phase1.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 22

Warning: include_once(): Failed opening '/home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/plugins/wp-super-cache/wp-cache-phase1.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php74/pear') in /home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 22
BOLE BULBULA, ADDIS ABEBA 2019 - Nuovo Fiore in Africa

BOLE BULBULA, ADDIS ABEBA 2019

PROGETTI

PROGETTI

BOLE BULBULA, ADDIS ABEBA

ETIOPIA CENTRALE, 2016

Bole Bulbula, Addis Abeba

ETIOPIA CENTRALE, 2019

PROGETTO
Scuola Superiore Auxilium Catholic School

Il 12 ottobre 2018 è stata inaugurata la scuola superiore che ospiterà le classi dalla 9° alla 12°, tre laboratori (scienze, biologia e fisica), una grande biblioteca dove studiare, un’aula computer, un’aula audiovisiva, un’aula per il disegno tecnico e una caffetteria.

Nel 2019 saranno realizzati due refettori, uno per le bambine e bambini della scuola elementare e l’altro per il personale della scuola e per i docenti.

RAGIONI PER L'INTERVENTO

Nuovo Fiore in Africa sin dall’inizio ha sostenuto questo progetto con l’idea di finanziare l’istruzione e un’educazione formale per tutti i bambini e ragazzi della località di Bole Bulbula superando le disparità in cui vivono. In particolare, questa collaborazione con l’opera delle Suore Salesiane rappresenta il desiderio di poter permettere alle ragazze e ai ragazzi che vivono in condizioni di povertà di poter accedere all’alfabetizzazione, all’educazione formale e ai gradi più elevati delle scuole superiori e quindi dell’università.

BENEFICIARI DIRETTI/INDIRETTI
1’450 beneficiari tra studenti e docenti.
IL PAESE

Bole Bulbula, dove si trova il progetto di Nuovo Fiore in Africa, è un’area periferica in grande espansione. In pochi anni i villaggi, i prati, le piccole coltivazioni e i pascoli di capre sono stati soppiantati da palazzine e negozi. Sebbene in quest’area vivano ancora prevalentemente famiglie poverissime in piccole capanne, sta progressivamente sorgendo una ricca comunità coinvolta in un processo di urbanizzazione.