Warning: include_once(/home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/plugins/wp-super-cache/wp-cache-phase1.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 22

Warning: include_once(): Failed opening '/home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/plugins/wp-super-cache/wp-cache-phase1.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php74/pear') in /home/customer/www/nuovofioreinafrica.org/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 22
HOBE 2020 - Nuovo Fiore in Africa

HOBE 2020

PROGETTI

PROGETTI

BOLE BULBULA, ADDIS ABEBA

ETIOPIA CENTRALE, 2016

PROGETTO

Salone Multiuso di Hobe

Il progetto mira a sostenere la costruzione di un salone multiuso al fine di creare un punto di ritrovo sicuro per educare e dare la possibilità di fare sport in totale sicurezza.

Il grande salone è progettato anche per attività culturali quali: biblioteca, incontri, teatro, celebrazioni di festività e ricorrenze con la possibilità di facile trasformazione in quattro aule scolastiche.

Questo edificio è fondamentale vista l’ubicazione del progetto, nell’area del Geter dove le ragazze e ragazzi di ogni età vivono e meritano un centro dove poter socializzare senza dover migrare nelle grandi città e lasciare le proprie famiglie.

RAGIONI PER L'INTERVENTO

Da Hobe e dai villaggi limitrofi il 5% delle ragazze si recano nei Paesi Arabi in cerca di futuro e sono preda di gravi problemi e sofferenze.

La comunità salesiana di Don Bosco risiede a Zway a 35 km da Hobe e offre l’animazione giovanile in cinque centri. In questi ultimi anni si è operato a Adamitullo e Dida con scuole modello, servizi igienici, campi sportivi e attività educative e ricreative, grazie anche all’appoggio finanziario della Fondazione Nuovo Fiore in Africa.

BENEFICIARI DIRETTI/INDIRETTI

950 nuclei familiari sparsi nel territorio con una popolazione di 5’000 abitanti.

IL PAESE

Hobe è un villaggio distribuito in una vasta zona agricola a 200 km da Addis Abeba. Esso è costituito da 950 nuclei familiari sparsi nel territorio con una popolazione di circa 5’000 abitanti.

La comunità è formata da tre tribú: Marako (70%), Slite (20%), Maskel(10%) e da quattro gruppi religiosi: Musulmani(60%), Ortodossi(20%), Protestanti(10%) e Cattolici(10%).

La vita si svolge con il ritmo delle stagioni, basata sul lavoro agricolo. Quando il raccolto è favorevole la sopravvivenza è garantita, quando non lo è nascono problemi di carestia, diatribe e conflitti.

La popolazione è prettamente giovanile con alto quoziente di nascite. Ad essa viene offerto un basso livello di educazione scolastica e sanitaria con poche prospettive di futuro se non ripetere la vita, gli usi e costumi della generazione precedente.

Gli abitanti di quest’area e in special modo i giovani sono disponibili alla collaborazione in fase di costruzione con l’offerta di 100 ore di lavoro e l’opera di rimozione del materiale, sotto la guida del capomastro.